Allergia al polline

CHE COS’E’ IL POLLINE?

Consigli Humer per ridurre le allergie al polline

Il polline è l’elemento di riproduzione delle piante in fiore. I granuli microscopici sono prodotti dagli stami e si disperdono poi come polvere nell’aria durante la fioritura.

  • La primavera è la stagione delle graminacee. Una grande famiglia di piante erbacee le cui infiorescenze sono minuscole. Ne fanno parte l’erba dei giardini, le praterie, il fieno e i campi di grano.
  • La primavera, l’estate e l’inizio dell’autunno, sono le stagioni di impollinazione per molte piante erbacee resistenti (circa 50mila specie), alcune coltivate ma per la maggior parte selvatiche. Fioriscono un po’ ovunque e vengono spesso chiamate “erbacce” quando infestano le colture, i giardini ed i prati.

Per ogni specie, l’impollinazione dipende dalla zona geografica e dalle condizioni idriche. Il polline trasportato dal vento, si trova spesso all’esterno delle case, ma può anche entrare all’interno o in ambienti chiusi provocando non poche allergie.

ALLERGIE DA POLLINE:

Primavera significa boccioli e alberi in fiore, ma per i milioni di persone che soffrono di allergie primaverili significa anche starnuti, congestione, sinusite, naso che cola e altri sintomi. La reazione allergica causata dall’inalazione dei pollini si presenta comunque con ricorrenza stagionale, in corrispondenza del periodo di pollinazione caratteristico per ogni specie responsabile dell’allergia. Per questo motivo, bisogna riconoscere quali sono gli antigeni pollinici, dove sono localizzate le piante che li producono e quali sono le conseguenze allergiche che ne possono derivare.

SUGGERIMENTI PRATICI PER LIMITARE L’ESPOSIZIONE ED EVITARE IL RISCHIO ALLERGIE:

Precauzioni per ridurre le allergie del pollineNon c’è bisogno di stare chiusi in casa, tuttavia si può agire con anticipo, e scegliere il posto ed il luogo ideale per le vacanze, e si possono prendere alcune precauzioni:

  • Nel vostro giardino, diversificate le piantagioni evitando le specie più allergiche (cipressi, thuja, betulle);
  • Se uscite senza un cappello, il polline può depositarsi sui vostri capelli. Lavatevi i capelli prima di andare a dormire: questo eviterà di farvi respirare il polline ogni notte;
  • Arieggiate la vostra casa, preferibilmente ogni mattino, la sera tardi o quando piove: gli allergeni sono meno dispersi nell’aria in questi momenti della giornata;
  • Evitate di tagliare il prato durante la stagione dei pollini o indossate occhiali protettivi e mascherina;
  • Evitate di far asciugare il bucato durante il periodo dei pollini. Questi infatti si accumulano nel bucato ed in seguito si disperdono all’interno della vostra abitazione;
  • Evitate di far entrare i pollini dal finestrino dell’auto mentre viaggiate.

Fonte: Agenzia francese per la sicurezza dei prodotti sanitari (Afssaps) Anche se il trattamento con medicinali disponibili senza ricetta, la rinite allergica e congiuntivite negli adulti, giugno 2008